Scheda Spettacolo

TRILOGIA DEL TAVOLINO / LA VITA HA UN DENTE D'ORO

sabato 15 giugno ore 18

Cubo Teatro, Torino

TRILOGIA DEL TAVOLINO / LA VITA HA UN DENTE D'ORO

commedia primitiva

Esecutivi per lo spettacolo

durata 60'

Un tavolino e due sedie sono il minimo comune denominatore di questa trilogia firmata dalla drammaturga Rita Frongia. Tre testi e tre spettacoli con protagonisti due avventori di un bar, un "artefice magico" che legge i tarocchi a un suo cliente, infine due sorelle ubriacone. Tutte e tutti impegnati a ingannare la solitudine e ad allontanare il più possibile la morte, e a rispondere, contemporaneamente, ai dilemmi della vita.

di Rita Frongia
regia Claudio Morganti

con Francesco Pennacchia e Gianluca Stetur

Uno spettacolo di archeologia teatrale.

Alle origini del gioco. Il gusto ed il piacere della vera finzione. Quella autentica. Quella che privilegia il gioco e la santa idiozia. La fede nell'arte del fallimento. Insomma, signori, potrete vedere due attori. Certamente il gradino più basso dell'umanità, ma pur sempre due persone, due esseri, e noi ne abbiamo individuato due esemplari apparentemente ancora in buono stato. Venite a vedere di cosa sono capaci! Di quale profonda ed inarrivabile stupidità sanno farsi carico! Come sanno attrarsi e distrarsi, precipitare dalle vette del sublime al buco nero del marasma più ingovernabile! (Claudio Morganti)

La vita ha un dente d'oro è un'antica espressione bulgara che non trova corrispondenza idiomatica nella nostra lingua. Pare venisse utilizzata per alludere al fatto che in tutto ciò che è vero c'è sempre un artifizio, una menzogna, un'alterazione d'organi. Ma è anche vero che le cose, a volte, sono proprio come sembrano. Commedia primitiva con cadavere al presente. (Rita Frongia)

FRANCESCO PENNACCHIA
Dal 2000 a oggi, attore e collaboratore nella compagnia Esecutivi per lo spettacolo, diretta da Morganti; dal 1999 attore per la compagnia Katzenmacher, diretta da Santagata. Dal 2005 al 2010 attore per la compagnia Diablogues, diretta da Vetrano e Randisi.

GIANLUCA STETUR 
si forma a Milano tra gli altri con Orlandini e Morganti. Tra gli spettacoli più significativi: Il pigiama di Macbeth; Waiting Long; Woyzeck OmbreLa vita ha un dente d'oro. Dal 2015 in scena con Il custode di Pinter e Freier Klang di R. Frongia, regia Claudio Morganti.

Menu secondario